Tre bionde sulla neve

Pubblicato febbraio 26, 2012 da labiondaprof

Ieri La Bionda ha caricato La Biondina, Nonna M, borsoni con giacche a vento, tute da neve, scarponcini, succhi di frutta e cioccolata. Poi ha acceso l’auto ed è partita, per una favolosa giornata sulla neve. L’impresa si è rivelata subito di una certa importanza…

Ore 9:15. La partenza. Appena uscite dal garage, squilla il cellulare. Si tratta di Nonno doc, vuol sapere se mamma nonna e nipotina sono già partite e, soprattutto, se si ricordano la strada per le piste da sci. Una volta rassicurato il Nonno doc, ed averlo anche rimbrottato un po’ per l’ansia eccessiva che sta dimostrando, La Bionda guarda Nonna M e dice, con nonchalanche “Tu te la ricordi, vero?” Nonna M assume l’aria svagata che inalbera quando non vuol dire né sì, né no, e inizia a parlare con La Biondina. La Bionda pensa, va beh, dai, ci andiamo estate e inverno, che sarà mai…

Ore 9:25. Dopo pochi km, Labionda chiama il borgomastro e si fa riassumere in 4 parole la strada.  Ora sì, che si sente sicura.

Ore 9:26. La Bionda si infervora mentre racconta a Nonna M delle ultime novità del suo lavoro e, ovviamente, sbaglia strada, andando in automatico verso la direzione che la porterebbe nella sede centrale della sua scuola. Seguono sacramenti e simpatiche espressioni della Bionda, e imbocco della retta via per la montagna.

Ore 10:20.L’arrivo. La Biondina è annoiata già da venti minuti; ha pertanto provveduto a farsi leggere da Nonna M la storia di Rapunzel (tre volte), a mangiare un blocchetto di cioccolata, a rovesciare metà succo all’Ace sul sedile. E sui pantaloni di Nonna M.

Ore 10:30. La Bionda inizia a tirare la slitta con la pazienza di un cane husky e l’entusiasmo di un cane da salotto, mentre la Biondina urla, schiamazza e si tuffa nella neve, e Nonna M scatta fotografie con il cellulare. Tutt’attorno, altre mamme, altri bimbi, altre slitte e altre nonne. Qualche sparuto papà, un solo nonno avvistato. Insomma, la neve è diventata un’esclusiva delle donne?

Ore 11.50. La Biondina ha la brillante idea di entrare a paciugare con i piedi nella neve sciolta, a bordo pista. Al secondo urlo di raccapriccio della Bionda, la piccola peste decide di ubbidire, ma nella solerte corsetta inciampa e cade, bagnandosi dalla testa ai piedi.  Viene prelevata, sgridata, e contemporaneamente cambiata a tempo di record.

Ore 12:15. Il ristorante. Piatti nutrienti e ipercalorici: casoncelli, polenta, brasato, patate. La Biondina stringe amicizia con la titolare del ristorante, una simpatica nonnina che la prende per mano e la porta alla cassa, dove le regala dei cioccolatini.

Ore 13:30. Di nuovo sulle piste. Nel frattempo, continue telefonate del borgomastro e di Nonno doc. Questa gita improvvisata ha scatenato perplessità: ma andate da sole? Ma siete sicure?Ma ve la cavate? Ora, ho vissuto anni di pendolarismo a Milano, so destreggiarmi nella metropolitana di Parigi, Londra e Madrid, ho passeggiato spavalda senza cartine nel centro di Firenze, Siena, Roma, Venezia, ho guidato in Sicilia, Puglia, Toscana, Sardegna, Veneto, Liguria e Trentino su strade sconosciute, e non sarò in grado di andare in montagna ad un’ora da casa? Nella mia Regione, nella mia provincia? E magari sarò in grado di divertirmi anche, senza marito o papà?

Ore 16:00. La Bionda si accascia come Zanna Bianca quando stramazza a terra alla fine della giornata di lavoro. La Biondina, mai stanca, vuole la cioccolata e le frittelle, Nonna M, ovviamente, l’accontenta. Prima però bisogna cambiarsi: l’auto si trasforma in un comodo camerino dove tre bionde indiavolate si svestono e si rivestono: via le tute, via gli scarponcini, via le calze pesanti. Poi, spaparanzate in terrazza, mentre La Biondina e Nonna M cinguettano amabilmente, La Bionda si concede 4 frittelle ma ha sete, tanta sete, e la lingua fuori, proprio come Zanna Bianca. Ennesima chiamata dal borgomastro: Ma quando tornate? Arghh…

Ore 16: 30. Giretto in paese: acquisto di marmellate, salumi e funghi.

Ore 16: 45. Partenza. La Biondina frigna, non vuole agganciare la cintura, vuole un altro succo, e vuole la radio accesa. No, la vuole spenta. La Bionda bofonchia che a scuola, con 18 preadolescenti, al confronto con oggi, si riposa.

Ore 16: 50. La Biondina crolla addormentata, e tale resterà fino alla fine del viaggio. La Bionda e Nonna M possono così chiacchierare e, con la consuetà flessibilità, riuscire a spaziare dalla crisi economica al nuovo taglio di capelli della Bionda, dalle malattie di conoscenti a osservazioni spicciole di costume, dalla ricetta delle lasagne al radicchio alla Costa Concordia, da Sanremo alla sanità pubblica. Nonno doc fa tre  telefonate a vuoto: la suoneria non supera il rumore delle allegre chiacchiere da salotto.

Ore 17: 55. Arrivo. La Biondina si sveglia, scende a catapulta dall’automobile, saluta il papà e gli chiede “Vuoi giocare?”. La Bionda e Nonna M, distrutte, si guardano e si domandano, tacitamente, dove questa piccola unna trovi le energie per funzionare a mille.

Annunci

6 commenti su “Tre bionde sulla neve

  • @aliceland
    dici? a me sembrava già di essere in ritardo…va bene che prima fa freddo, però…
    @destinazioneestero
    eh, si vede che hai insegnato nella bergamasca:-) ero al Passo della Presolana, 1200 mt di sole e neve.tanti bergamaschi e tanti milanesi, qualcuno anche da Lecco e Monza. Invece le montagne di mia mamma sono molto più a Nord (Dolomiti Orientali, Passo M.te Croce per capirci)
    @bellissima giornata, davvero:-) Io dico sempre che sono pigra e poco sportiva, però poi, quando sono in ballo, ballo…e la piccola ha preso da me, dal papà e penso, soprattutto, dal nonno doc. Mio padre, da ciclista amatore, si mangiava i Passi dolomitici.Tanta invidia, io sarei stramazzata, con tanti anni di meno.

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: