Archivi

Tutti gli articoli per il mese di dicembre 2014

Compiti delle vacanze: come sopravvivere in 5 mosse

Pubblicato dicembre 31, 2014 da labiondaprof

L’argomento compiti a casa-compiti delle vacanze sta diventando un nuovo classico: ogni tanto, ciclicamente, ritorna. Come la sparizione delle mezze stagioni, il fascino intramontabile del tubino nero, gli scudetti rubati della Juventus.

Alle soglie delle vacanze estive e invernali, la tragedia si abbatte sulle famiglie italiane (e non solo): gli insegnanti, esseri men che umani, si ostinano a perpetrare quell’obsoleta prassi che risale a ere geologiche lontane, cioè assegnano i compiti a casa ai loro alunni. Così, gli animi si infiammano: cori da tragedia greca si animano, blogger scrivono, giornali rilanciano, esperti si esprimono, iniziative si impennano.

Io, francamente, non capisco. Non capisco perché molti genitori non capiscano questi facili parallelismi logici: se vuoi suonare uno strumento devi esercitarti, se vuoi praticare uno sport devi allenarti, se vuoi andare bene o benino a scuola devi lavorare un po’ anche a casa. Dove si inceppa il loro pensiero? Per chiarire: io assegno i compiti a casa, i compiti per le vacanze estive, i compiti per le vacanze invernali. Ne ho parlato in tv, ne ho scritto qui, qui, qui e qui. Ah, e qui.

Ecco quindi 5 semplici accorgimenti per sopravvivere indenni ai mostruosi compiti delle vacanze

  1. Controllare insieme al figlio, ripeto, insieme e non al posto suo, tutti i compiti scritti sul diario. Poi, con calma, distribuire il carico di lavoro tra le giornate di vacanza, tenendo libero il giorno di Natale, il Capodanno e un altro giorno a scelta. Quindi, non spararsi tutti i compiti nei primi due giorni o provare il brivido della maratona cruenta negli ultimi due giorni, ma portare un equo carico di compiti sulle spalle.
  2. Programmare un momento della giornata, possibilmente sempre quello, dedicato allo svolgimento dei compiti. Prima di cena, la mattina prima di uscire o il pomeriggio dopo aver pranzato, purché si rispetti la routine… No, ecco: le 22:00, dopo la tombolata con i nonni o l’ultimo cartone animato adrenalinico, non è un orario plausibile
  3. Annullare ogni stimolo visivo e sonoro. Tradotto: non serve insonorizzare le stanze, è sufficiente spegnere il cellulare del figlio (se lo possiede già) e silenziare il vostro, far sparire la Playstation, occultare il tablet e il telecomando della tv. Silenzio e concentrazione, modello frate amanuense nella biblioteca, o Clarissa in preghiera attiva e solerte.
  4. Rimanere nei paraggi mentre il figliolo svolge i compiti, ma non compiere l’Errore, l’Errore fatale e da lettera maiuscola: mai sostituirsi al figlio. Mai fare i compiti al posto suo, mai nemmeno finirli, mai nemmeno colorare i disegni, mai nemmeno… Insomma: il figlio svolge gli esercizi e voi leggiucchiate cose vostre, scrivete le vostre memorie, impastate la sfoglia per la torta salata, vi date lo smalto. Al limite, se alla terza rilettura il piccolo non ha capito cosa deve fare, è possibile spiegare la consegna dell’esercizio. Poi, via, non appollaiatevi sulla spalla del figlio come la scimmietta del Pirata Barbanera.
  5. Last but not least: anche se ritenete che i compiti siano troppi, o difficili, o dispersivi o inutili, non lo fate trapelare mai. Siano perciò bandite frasi come Ma le maestre le fanno le vacanze, però! o I professori vi vogliono chiusi in casa, maledetti loro e i loro compiti! Attenzione anche alla mimica: alzare gli occhi al cielo come San Lorenzo sulla graticola, o rotearli fiammeggiando, come il Caronte dantesco, dimonio dagli occhi di bragia, magari aprendo le braccia sconsolato come un tifoso interista ai rumors di un ritorno di Balotelli, è un chiaro messaggio. Non verbale, ma chiaro.

E ora, buoni compiti e buon 2015.

p.s. Per chi se lo chiedesse: sì, mia figlia frequenta la scuola primaria. Sì, le sue maestre le hanno assegnato dei compiti per le vacanze. Sì, credo che la pensino come me.

Annunci

Consigli last minute: un libro per Natale 2014

Pubblicato dicembre 23, 2014 da labiondaprof

Fiabe: le leggo a mia figlia, le rileggo per me, le spiego ai miei alunni…

Mi piacciono le fiabe: sono narrazione pura. Storie raccontate, ri-raccontate, tramandate dai nonni ai nipotini, dalle mamme ai figli, dai vecchi ai giovani. Personaggi senza sfumature, buoni buonissimi o cattivi cattivissimi; prove da affrontare, ostacoli da superare; oggetti magici; streghe e fate, maghi e re, principi e principesse. E il solito, imprescindibile, evocativo incipit: C’era una volta…

E poi ci sono le fiabe degli scrittori, che non nascono dalla tradizione popolare, ma a quella si richiamano: le fiabe di Andersen, quelle di Tolstoi, quelle di Oscar Wilde.

La casa editrice ISBN, dopo aver già pubblicato le favole e le fiabe di Tolstoi, I quattro libri di lettura (vedi la mia recensione qui) ha pubblicato Il principe felice e altri racconti di Oscar Wilde, con le illustrazioni di Cristina Pieropan

Il principe felice, o meglio, la sua statua, che dona se stesso ai più poveri, e alla fine verrà abbattutto e fuso perché non è più bello come prima; il gigante che è stato egoista ma scoprirà la bellezza dei bambini e della generosità; l’usignolo e la rosa, e la sciocca fanciulla che non capisce il valore della rosa e dell’amore.

E ancora, l’amico devoto: un bell’esempio di come gli amici NON devono essere e cioè egoisti, interessati, duri di cuore e pettegoli.

CIMG1674

I nove racconti sono questi:

– Il principe felice
– Il Gigante egoista
– L’amico devoto
– Il ragguardevole Razzo
– L’Usignolo e la Rosa
– Il giovane Re
– Il compleanno dell’Infanta
– Il Figlio delle Stelle
– Il Pescatore e la sua Anima
Alcune illustrazioni
CIMG1677
CIMG1679

I ragazzi della 56° strada (Outsiders)

Pubblicato dicembre 16, 2014 da labiondaprof

Ero davvero piccola quando vidi per la prima volta questo film: mi innamorai del film, della storia (poi lessi anche il libro) e, ovviamente di Matt Dillon. Il suo poster regnò nella mia cameretta per almeno un paio di inverni.

Una storia forse un po’ scontata, ma c’è tutto quello che può piacere ad un adolescente, maschio o femmina che sia: le bande rivali, la forza del gruppo, l’amicizia, il rapporto con l’altro sesso, l’importanza di un libro, una poesia o un film. E quel destino che fa sì che alcuni escano indenni dall’adolescenza, ed altri no.

Crescere è difficile, è bellissimo e sconvolgente insieme. Forse perché vivo metà giornata con adolescenti e preadolescenti, ma io non lo dimentico mai. Provo tenerezza per l’adolescente che sono stata, e guardo i miei alunni con occhi attenti, cercando di cogliere qualsiasi segnale che mi dica che, comunque, sta andando tutto bene.

In questi giorni, poi, è un pensiero che mi accompagna per tutto il giorno.

Così mi sono ricordata di questo film, a cui non pensavo da molto tempo. Gli amici con cui lo vidi molto tempo fa sono cresciuti, come me. Li incrocio ancora, facciamo vite diverse, ma quando li vedo sorrido. Uno solo non c’è più, e da molti anni. D. se ne andò giovanissimo, come se fosse in un film, e invece non lo era.

Nothing gold can stay

Nature’s first green is gold,
Her hardest hue to hold.
Her early leaf’s a flower;
But only so an hour.
Then leaf subsides to leaf,
So Eden sank to grief,
So dawn goes down to day
Nothing gold can stay.

Non era questo.

Pubblicato dicembre 15, 2014 da labiondaprof

Non era questo il post che dovevo scrivere: ieri avevo preparato un post carino sulla Biondina e Santa Lucia. Glitter, regali, gioia e famiglia. Leggerezza, magia del dono e rosa, tanto rosa.

Invece, ieri mattina, la notizia che in un attimo fa il giro del piccolo comune: sabato sera una ragazza che ha frequentato la mia scuola, anche se non le mie classi, è morta.

A 17 anni. Nel solito maledetto incidente stradale.

Non era stata mia alunna, ma in una scuola piccola come la mia alla fine, tra laboratori e supplenze, gli alunni li conosci tutti. Me la ricordo bene: bella, un sorriso aperto e quasi sfacciato, e tanta voglia di crescere.

Da quando insegno, è la terza volta che succede: ex alunni o comunque ragazzi che conoscevo, di comuni diversi. Morti diverse, ma sempre l’imprevisto, il fatto inaspettato, lo schianto.

Da giovane, intendo ventenne o poco più, mi era già capitato: due ragazzi che conoscevo, uno morto e uno gravemente ferito (mio vicino di casa), e una ragazza, giovanissima.

Ma poi, da adulta, è sempre peggio: quando li hai visti ragazzini, sorridenti, allegri, magari qualcuno un po’ ribelle ma ancora “piccoli”… è difficile da mandar giù.

Che brutto lunedì.

 

 

Le paure segrete dei supereroi… e le nostre?

Pubblicato dicembre 13, 2014 da labiondaprof

C’è una frase che mi piace davvero: mi sembra dica molto delle fiabe, del perché esistono e perché sono importanti per i bambini.

Le fiabe aiutano i bambini a crescere, a sviluppare la fiducia in se stessi: nella fiaba l’eroe deve affrontare delle prove e, grazie alla intelligenza, al suo coraggio e alla sua lealtà, conquisterà il suo lieto fine. Magari con l’aiuto del buon saggio elfo, della fata madrina e di qualche oggetto magico. Soprattutto, alla fine l’eroe avrà sconfitto le sue paure: la paura di crescere, di non essere all’altezza, di non essere coraggioso abbastanza per affrontare i mille pericoli del mondo, i draghi, i mostri e le streghe…

Ecco perché mi piace tanto raccontare le fiabe a mia figlia, e leggerle ai miei alunni.

La Timbuktu, una nuova realtà che realizza prodotti digitali per bambini, ha creato una collana di libri cartacei, in collaborazione con la De Agostini; i libri, quattro per ora, trattano proprio delle paure dei bambini, e si rivolgono ad una fascia d’età compresa tra i 6 e i 9 anni. La collana si chiama Missione paura: ogni manuale prevede una versione digitale, scaricabile gratuitamente. La versione digitale si presenta arricchita di contenuti extra, animazioni e giochi. Per la generazione dei nostri piccoli, nativi digitali, è importante integrare la lettura tradizionale con la possibilità di un approccio interattivo.

Visualizzazione di 10.jpgIo e mia figlia abbiamo avuto la possibilità di leggere Le paure segrete dei supereroi.

Visualizzazione di paure_superoi.jpg

La scuola di Timbuktu è una scuola per supereroi… ma anche i supereroi hanno le loro paure, oltre che i superpoteri. Il coraggio non piove dal cielo, ma si conquista pian piano, “con grandi battaglie e piccoli trucchetti”. Così, nel libro possiamo leggere le paure dei personaggi e i loro personalissimi modi per superarle. E se qualche trucchetto dei supereroi funzionasse anche per noi lettori? Bambini ed adulti, intendo… o gli adulti non hanno più paura di nulla? Non credo, ma parliamo dei bambini, per ora.

LaBiondina l’ha apprezzato, e si è identificata subito in un personaggio: bionda come lei, con la coda di cavallo come lei… e con un po’ di paura del buio come lei. CIMG1670

CIMG1672

E come si sconfigge la paura del buio?… Leggetelo nel libro, è più facile di quel che si possa pensare!

Un’idea per un bel regalo di Natale, per bambini e per genitori.

Natale in casa Cupiello? No, a Bergamo.

Pubblicato dicembre 7, 2014 da labiondaprof

Te piace o presepe? diceva Eduardo nella commedia Natale in casa Cupiello.

E il figlio, a bella posta, rispondeva di no.

A quanto pare, anche a Bergamo il presepe non piace a tutti…

http://bergamo.corriere.it/notizie/cronaca/14_dicembre_05/vietato-presepe-scuola-scoppia-protesta-fc1b12c6-7c57-11e4-813c-f943a4c58546.shtml

Non voglio nemmeno entrare nella questione specifica “presepe sì-presepe no”, perché comunque la politica si è messa in mezzo e alcuni politici, pronti ad afferrare la ghiotta occasione, hanno gioiosamente strumentalizzato la questione.

Dico solo che, nella mia esperienza di insegnante, nessun alunno straniero si è mai sentito turbato da un augurio di Buon Natale, da un bigliettino compilato in inglese con un albero, una stella cometa, un pupazzo di neve, un Babbo Natale o un Gesù bambino.

Nessun genitore ha mai protestato per i riferimenti alle festività natalizie, o a qualche poesia sul Natale.

Quello che mi ha fatto rizzare i capelli sulla testa, ripeto, al di là della opportunità o meno di allestire un presepe a scuola, è la seguente dichiarazione fatta dal dirigente: «La favoletta che la cultura europea è figlia di tante cose, tra cui il cristianesimo, non sta più in piedi. A scuola non ci devono essere simboli che dividono».

Che un dirigente scolastico bolli come “favoletta” un passato di tradizione e cultura che, inevitabilmente, è stata ed è cristiana, beh, mi sembra una vera assurdità. Vero negazionismo.

Negare le radici anche cristiane dell’Europa per non turbare gli alunni di altre culture ed altre religioni, che però vivono in Italia? Questo non è un atteggiamento laico, ma un fare tabula rasa di tutta una parte del nostro passato.

Magari questo dirigente arriverebbe a sostenere che Benedetto Croce, scrivendo Perché non possiamo non dirci cristiani, era sotto gli effetti dell’alcool.

Che Pirenne, invece di scrivere Maometto e Carlomagno, avrebbe dovuto scrivere Maometto e basta.

Che secoli di arte figurativa con Natività, Madonne della seggiola, Sacre famiglie, Vergini delle Rocce, sculture come la Pietà  e il Mosè non fanno parte della nostra storia e della nostra cultura. Quindi aboliamo la Storia dell’Arte a scuola: troppi crocefissi, chiese, basiliche e Madonne. Non sia mai che si offendesse qualcuno. Buttiamo Giotto, i suoi affreschi sulla vita di San Francesco e, ovviamente, anche il campanile. Vadano pure i turisti a vederlo, a Firenze, ma non lo facciamo studiare a scuola, per carità, non è politicamente corretto.

Neghiamo che la Filosofia occidentale abbia conosciuto e reinterpretato Aristotele anche attraverso San Tommaso.

E attenzione alla Storia… Via le Crociate, via la Riforma anglicana, e quella luterana. E anche la diaspora, e la Shoah. Potrebbero offendersi, gli alunni.

E la letteratura italiana? Neghiamo che inizi con il Cantico di San Francesco, che poi i non cristiani borbottano.

E anche Dante, con la sua Divina Commedia, è divisivo. Il Paradiso, il Purgatorio… addirittura l’Inferno. Gli alunni si potrebbero spaventare, o sentirsi “soverchiati”.

Togliamolo, no?

Ecco, così si ammazza la scuola italiana.