sport

Tutti i post nella categoria sport

Anteprime: Guida poco che devi bere di Maurizio Corona

Pubblicato giugno 12, 2013 da labiondaprof

Eccolo qui, uno dei miei scrittori preferiti, per ragioni antropologiche, prima ancora che letterarie.

Il vino, e l’acqua.

Al vin e l’aga, nella lingua di mia madre, che è poi la sua, la stessa di Corona, con poche, impercettibili varianti (questioni di pochi km). Lingua dura, aspra, intrisa di acqua, ghiaccio, neve e macchie verdi. Pini, abeti, larici, ginepri, rododendri, genziane. Poche stelle alpine, ormai. Mugo, resina e  sole caldo che spacca le pietre, dopo il gelo dell’inverno. Il vino, consolazione delle lunghe serate fredde, in inverni che sembrano non finire mai. Eterni, Dante direbbe etterni, che etterni durano.

Invece poi finiscono, e arriva una breve estate. Che porta le vipere, e i turisti. Che non si sa chi causa meno danni…

No sta pì bei vin, bei aga.

(Smetti di bere vino, bevi invece acqua).

Disse un avventore nel bar, prima di cadere lungo disteso per terra. Un esempio classico di “Fate quello che dico, non fate quello che faccio”.

L’inverno del nostro scontento: febbraio corto e amaro

Pubblicato marzo 2, 2013 da labiondaprof

camminare1Sono stata assente non perché intenta a crogiolarmi in qualche spiaggia caraibica, purtroppo, ma perchè l’inverno del nostro scontento non è ancora finito. E dire che sto vivendo un periodo difficilino è come dire che Grillo è un comico abbastanza benvoluto dalla gente. Conto di rialzarmi, faticosamente però, come la piccola bionda della fotografia.

Allora, il dono della brevitas, come dice Severgnini, credo di averlo sempre avuto, quindi andrei per sommi capi, alla Bridget Jones, orsù:

Fidanzati/mariti: Uno, molto impegnato. Passa da casa con la stessa frequenza della cometa di Halley.

Figli: Una, che ha ballato vestita da principessa con una mostruosa allergia tipo peste bubbonica nel ponte di Carnevale, che ha ben pensato di trascinare una tossetta stizzosa nei giorni più pesanti di lavoro, alternandola piacevolmente a brevi puntatine di febbricola. E quest’anno sono rose e fiori rispetto all’inverno scorso.

Lavoro: Uno ufficiale, la scuola. Ecco, diciamo: altro che 18 ore settimanali… e mi fermo qui solo per evitare moccoli vari. Il blog, la scrittura, le collaborazioni: tutto fermo. Dovevo prima sopravvivere alla rogna di febbraio.

Hobby: chi li ha visti? Acquagym, lettura, moda? Parole oscure come le profezie di Nostradamus.

Kg persi/o messi: boh. Dovrei avere il tempo di pesarmi.  Orari strani e alimentazione varia, più che varia, schizofrenica. Bevo brodo come una nonnina di 90 anni. Poi però mangio patatine come un’americana al Drive in.

Libri letti: uno. Solo uno… però mi è piaciuto molto, ne parlerò in uno dei prossimi venerdì del libro, se ce la farò.

Capelli: dopo settimane di meditazione, e mille appuntamenti rimandati (neve, malattia, ancora neve, allergie della Biondina, febbrine della stessa…), un taglio nuovo e un colore un po’ più chiaro. Per andare incontro alla primavera, se Iddio vorrà che arrivi, con un taglio che non mi faccia sembrare Susanna Camusso, con tutto il rispetto.

Auto: – Una. E qui vorrei evitare di rendere il mio blog una sequela di madonne, sacramenti, parolacce e cruente imprecazioni. Ma io auguro ai ladri della mia povera macchinina quello che Alex Drastico augurava ai ladri del suo motorino, e anche qualcosa in più. Perché Alex Drastico era cattivo, ma io lo sono di più.

Voti: tre. Tre ne ho dati, domenica scorsa. Appiedata e sotto la neve. Incattivita e indecisa fino all’ultimo.

Paese ingovernabile: Uno. L’Italia.

Progetti per il futuro: uscire dal tunnel, grazie. Io, e magari anche l’Italia.

Quella storica di mia figlia

Pubblicato dicembre 29, 2012 da labiondaprof

anastasia

Interno, sera. Una sera come tante di queste vacanze natalizie.

Il borgomastro chiede C’è qualcosa di bello in tv questa sera?

La Biondaprof Ma, mi sembra un documentario sugli zar, sai i Romanov, e Rasputin…

La Biondina Rasputin, sì, che bello Rasputin.

Il borgomastro la guarda stupito.

La Biondina Sì, è quello cattivo che vuole uccidere Anastasia, la principessa, e poi muore!

La Bionda E poi dicono che i cartoni animati non sono educativi…

Quella storica di mia figlia, insomma. Che adora il cartone Anastasia e scoprirà, solo tra qualche anno, che invece la vera storia della povera principessa è molto triste e non terminò affatto con il lieto fine del film.

E, a proposito di piccoli storici, come non ricordare quel mio alunno che scrisse Le guerre puniche tra Roma e Cartilagine, o l’altro che sosteneva, con una certa ostinazione, che la Prima Guerra Mondiale era stata la prima guerra moderna, combattuta con gli aerei, i sottomarini e la kryptonite (invece dei gas tossici) o… vabbè, ci siamo capiti.

Il bello delle Olimpiadi 2012

Pubblicato luglio 18, 2012 da labiondaprof

No, ecco, qualcuno mi sa dire quando esattamente iniziano le Olimpiadi 2012? Mi sa che le seguirò in tv, almeno le gare di nuoto…

 

Camille Lacourt

(Francia)

Ok Londra, Ok l’importante è partecipare, ok lo spirito di De coubertin, ma legate le mani alla Pellegrini, che non le allunghi anche su di lui!