labionda e scuola

Tutti gli articoli con tag labionda e scuola

#Giornatamondialedellapoesia: caviardage e alunni

Pubblicato marzo 21, 2015 da labiondaprof

Oggi, 21 marzo, è la Giornata mondiale della Poesia.

La poesia, a scuola, è spesso vittima di un insegnamento caratterizzato da tecnicismo: conta le sillabe, e individua lo schema metrico, e sottolinea le figure retoriche, e fai la parafrasi, e trova le assonanze. E il tema, il messaggio, il significato. Il testo, il contesto e il paratesto.

Insomma, a volte bisogna risalire alle fonti: poesia come musica, ritmo, parola.

E allora, ecco la tecnica del caviardage. Ricetta:

-Si prende una poesia, magari attinente ad una tematica studiata (nel nostro caso, l’Amore). Anzi, tante poesie, così il lavoro è più vario: più testi poetici, di autore diversi, di diversi periodi e stili. Ma tutti sullo stesso argomento.

-Si stampano, su foglio bianco, con un carattere grande

-Si distribuiscono agli alunni, dotati di forbici, carta, colla e colori

-Si spiega la tecnica del caviardage

– Si lasciano liberi di sottolineare, colorare, annerire, pasticciare creativamente quella che è diventata ormai la loro nuova poesia

Ecco i risultati:

alessia

clara

elisa

francescoglorialavpreetmaneshnicolesimone

Labiondaprof in tv!

Pubblicato aprile 6, 2012 da labiondaprof

Iniziamo ab ovo, sì insomma, dall’inizio:

Lunedì 2 aprile. Ore 8:00-10:00 scuola. Poi breve corsa in segreteria per moduli vari, infine a casa per la pausa pranzo. Dalle 14: 15 alle 16:15 scuola. Infine, ritiro della Biondina dall’asilo e veloce spesa, giochi, letture di principezze varie. Ancora: cena, routine serale di coccole, lavaggio dentini, fiabe etc. Insomma, la solita fatica da mulo fino alla sera. Poi, con l’occhio stanco e la schiena della casalinga, La Bionda accende il computer per controllare la posta elettronica… surprise!

Una mail che sembra uno scherzo, ma il primo di aprile è già passato, e quindi La Bionda la prende sul serio. La mail proviene dalla redazione di una trasmissione televisiva, nelcuoredeigiorni, e invita La Bionda a prendere contatti telefonici, o comunque a farsi rintracciare. Per qual motivo? Pare che il blog della Bionda sia piaciuto alla redazione, soprattutto gli ultimi interventi sulla scuola: il post dell’insegnante coach e quello sulla scuola senza compiti.

Per farla breve, dopo un po’ di tentennamenti, qualche accordo familiare e un po’ di telefonate con il prefisso 06, sono lieta di annunciare che potrete vedere come difenderò, con il sorriso sulle labbra e un invisibile registro in mano,  la necessità dei compiti a casa nella trasmissione nelcuoredeigiorni di martedì 10 aprile 2012, dalle ore 15:00 sul canale 28 del digitale terrestre e sul satellite al canale 801 SKY. Cioè su Tv2000.

Inoltre, posso apparire sullo schermo del vostro computer, con il vostro consenso ovviamente, nello stesso orario, dato che si può seguire la trasmissione anche in streaming…

Insomma, che ne dite? Proprio una bella sorpresa di Pasqua:-)

Ah, è possibile anche interagire con me e gli altri ospiti della trasmissione (oddio, ma lo sto dicendo, cioè scrivendo, veramente?) attraverso un numero verde che sarà attivo durante la diretta.Please, chiamate… (povna, noisette, castagna, perboni, scorfano, aliceland, destinazioneestero e se dimentico qualcuno scusatemi)

Certo, in diretta, se voglio l’esperienza televisiva, io la voglio vivere in toto…panico da diretta compreso!

Accetto consigli su:

cosa indossare, come pettinarmi, come truccarmi.

Invece sulle cose da dire, grazie ai miei colleghi nella vita reale e a quelli della vita virtuale, di materiale ne ho tanto davvero:-)

Nel frattempo, auguri di Buona Pasqua.

Amici?Mai

Pubblicato dicembre 29, 2011 da labiondaprof

No, non voglio parlare della canzone strappalacrime di Venditti, ma del rapporto insegnante-alunno.

Ieri sera la mia terza aveva organizzato una pizza. E mi ha invitato, insieme ad un’altra insegnante. La collega non è venuta (aveva un altro impegno) e io, data la febbre della biondina, ero un po’ impegnata… diciamo così. Però sono andata a salutarli, a far loro gli auguri per l’anno nuovo e a bere il caffé. Mi sono fermata una mezz’oretta, dato che la pizzeria è a 3 minuti di strada da casa, quindi ero reperibile dal borgomastro e operativa con la biondina in pochissimo tempo.

Mi sono divertita a chiacchierare con loro, adesso non sono più i bimbi che ho preso in prima: ieri sera le ragazze erano truccate leggermente, tutte carine e fresche, mentre i maschi erano in tiro, con le felpe regalate per Natale e il gel sui capelli. Sono cresciuti e hanno con me la confidenza che si è creata in tre anni di lezioni quotidiane, possiamo parlare di molti argomenti. Però dopo mezz’ora sono tornata a casa volentieri e li ho lasciati alla loro serata. Io sono la  loro insegnante, non una loro amica. Sono la loro insegnante, non uno di loro. Leggi il resto di questo post → r
r