Il Sergente nella neve per il venerdì del libro

Pubblicato aprile 27, 2012 da labiondaprof

Per questo venerdì, a ridosso del 25 aprile e della Festa della Liberazione scelgo un libro che amo molto, e faccio leggere ai miei alunni di terza: Il sergente nella neve, di  Mario Rigoni Stern.

Il Sergente nella neve racconta una storia autobiografica: il ritorno dell’autore, il Sergente Rigoni Stern, dalla campagna di Russia, insieme ai suoi alpini. Rigoni Stern faceva parte di un battaglione della Divisione Tridentina, che rispetto alle altre conservava ancora forze e equipaggiamento; nel libro rievoca la dolorosa ritirata dell’ARMIR, e la prodigiosa battaglia di Nikolajewka, con la quale gli alpini ruppero l’accerchiamento dei soldati russi che li avevano chiusi in una “sacca”.

Un libro straordinario, coinvolgente, senza un filo di retorica, diretto. Uno stile asciutto, semplice, come semplice è l’animo dei montanari e degli alpini che lo stesso autore-protagonista conosceva bene, essendo nato e vissuto nell’altopiano di Asiago.

Gli orrori della guerra, la solidarietà dimostrata dal popolo russo, nemico, ma capace di accogliere nelle isbe i poveri alpini in ritirata. Bellissimo l’episodio in cui i soldati russi e il soldato italiano mangiano insieme nell’isba, muti, vicini, come se non fossero più soldati nemici, ma solo uomini che hanno sofferto, soffrono e vogliono sopravvivere.

Il mio personaggio preferito? Il Giuanin, bresciano, che tormenta Rigoni Stern con la domanda: ““Sergentmagiù, ghe riverem a baita?” cioè Sergente maggiore, arriveremo (torneremo) a casa?

Pochi, davvero pochi sono tornati a baita. Ed è giusto ricordarli.

Come ha fatto Marco Paolini con il suo monologo, tratto dal libro di Rigoni Stern; ecco un piccolo estratto: http://www.youtube.com/watch?v=aCqrKAQHTqQ

 

About these ads

7 commenti su “Il Sergente nella neve per il venerdì del libro

  • Di Rigoni Stern ho letto tutta la “trilogia dell’altipiano” (Storia di Tonle – L’anno della vittoria – Le stagioni di Giacomo), davvero splendida. e, pur narrando vicende filtrate dall’invenzione, credo sia un vero e proprio “prologo” al Sergente. che leggerò appena possibile.

  • È un libro che mi ha commosso profondamente, così come mi è piaciuto lo spettacolo di Paolini. Tra le letture da proporre ai ragazzi di terza è senz’altro fra le migliori, anche se io quest’anno ho scelto Il sentiero dei nidi di ragno.
    Per chi come me, nata in pianura e irrimediabilmente pigra, ama però la pace e la bellezza delle montagne, oltre che la forza e la rettitudine di certi montanari, anche Il bosco degli urogalli è da leggere.

  • È un libro che mi ha commosso profondamente, così come mi è piaciuto lo spettacolo di Paolini. Tra le letture da proporre ai ragazzi di terza è senz’altro fra le migliori, anche se io quest’anno ho scelto Il sentiero dei nidi di ragno.
    Per chi come me, nata in pianura e irrimediabilmente pigra, ama però la pace e la bellezza delle montagne, oltre che la forza e la rettitudine di certi montanari, anche Il bosco degli urogalli è da leggere.

  • @povna
    Io adoro Paolini, e poi la mia parte ladina dal Vaiont in poi lo sente proprio vicino vicino
    @noisette
    ti piacerà allora…
    @luul
    Benvenuta! Concordo, anche il bosco degli urogalli è davvero bello :-)
    @nellaeffe
    ma che bello il tuo blog! l’ho solo “assaggiato” per ora, ma ora ci tornerò per approfondire ;-)

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    Iscriviti

    Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

    Unisciti agli altri 63 follower

    %d blogger cliccano Mi Piace per questo: